Presentazione di 23 cose da fare in biblioteca


Get Adobe Flash player



Che cos'è?

E' un percorso di autoformazione rivolto ai bibliotecari che si propone di esplorare alcune delle tecnologie emergenti del web applicate anche nell'ambito delle biblioteche.
Il percorso riprende il progetto originale (23 things: Learning 2.0 ) sviluppato nel 2006 da Helene Blowers per un sistema bibliotecario del North Carolina e poi utilizzato con successo da centinaia di biblioteche in diverse parti del mondo; questo modello è stato ripreso in Italia dal CIBER, un consorzio che raggruppa 27 università.
Rispetto al modello iniziale, 23 cose da fare in biblioteca presenta due novità.
La prima riguarda la struttura del corso che oltre alle attività online prevede all'inizio e alla fine del percorso anche due incontri in presenza con attività laboratoriali.
La seconda riguarda i contenuti, aggiornati rispetto al modello iniziale, in particolare per quanto riguarda la ricerca delle informazioni (Information literacy) e l'utilizzo degli ebook in biblioteca.

Gli obiettivi

L'obiettivo principale di questo percorso formativo è di promuovere tra il personale delle biblioteche la conoscenza e l'uso diretto di alcuni strumenti del cosiddetto Web 2.0, come i blog, e i wiki, social media come Facebook e Twitter, applicazioni on line come Google Drive.
Le competenze digitali acquisite in questo percorso potranno essere utilizzate nel lavoro quotidiano con gli utenti e con gli altri membri dello staff .
Allo stesso tempo questo percorso si propone di sviluppare un metodo di apprendimento collaborativo e cooperativo che permetta a tutti i partecipanti di potenziare le proprie capacità di imparare.

La struttura del percorso

23 cose da fare in biblioteca prevede due incontri in presenza con attività laboratoriali, per iniziare e concludere il percorso, le altre attività si svolgono online con l'accompagnamento e il sostegno di due tutor.
La durata prevista è di 9 settimane: in ciascuna settimana viene affrontato un modulo nel quale si chiede ai partecipanti di svolgere delle semplici attività guidate (le 23 cose).
Le pagine web contenenti i singoli moduli vengono pubblicate il venerdì.

L'ambiente di apprendimento principale è costituito da un wiki, uno strumento di lavoro collaborativo. Ogni settimana sulle pagine del wiki vengono presentati dei materiali (testi, video, presentazioni) collegati al tema trattato, ai partecipanti si chiede di utilizzare i materiali come guida per realizzare una delle 23 cose in cui consiste il corso. Qualche esempio: aprire un blog e pubblicare un post, segnalarlo sulla pagina del wiki, modificare un'immagine, scrivere e condividere un documento con Google Drive ecc. ecc.
L'altro ambiente di apprendimento è costituito dal blog che tutti partecipamti apriranno e che costituisce un vero e proprio quaderno digitale dove registrare le proprie attività.

Strumento fondamentale della comunicazione tra i partecipanti e con i tutor sarà il forum disponibile sul wiki: verrà utilizzato per chiedere e fornire aiuto, per segnalare problemi o chiedere chiarimenti.

La verifica del lavoro svolto consiste nel controllo da parte dei tutor dei materiali creati e pubblicati dai partecipanti sul loro blog, i link dei singoli post dovranno essere riportati nel Diario di bordo del wiki.


I moduli di 23 cose in biblioteca

Calendario pubblicazione dei moduli

Il mondo di 23 cose: le applicazioni che abbiamo usato in questo percorso di autoformazione

I materiali di 23 cose in biblioteca sono a cura di Sonia Pisani e Roberto Marcolin